Primo giorno a Barcellona: Barrio Gotico, stradine e passeggiate

Oggi è il nostro primo giorno a Barcellona, e come tutti i viaggi che si rispettano, porta con se una grande emozione, tanta curiosità e voglia di vivere nuove esperienze. Il volo atterra puntale e nel giro di poco usciamo dall’aeroporto e respiriamo subito aria di vacanza. Come sapete, uno di noi ha avuto un piccolo infortunio prima di partire, per questo motivo il taxi diventa la nostra seconda casa. In circa un quarto d’ora/venti minuti arriviamo in hotel, non facciamo in tempo a rilassarci un attimo che siamo già pronti per uscire.

Non abbiamo intenzione di visitare un’attrazione specifica, vogliamo fare un giretto orientativo per ambientarci ed a questo proposito scegliamo il Barrio Gotico. La scelta è stata senza dubbio azzeccata, in questo quartiere si respira un’atmosfera senza tempo, è caratterizzato da vicoli stretti in pietra dall’aria antica, dove è impossibile non fermarsi per ammirare la bellezza che questa città inizia a farci conoscere. E’ un vero e proprio labirinto, costellato da bar dove gustare le famose tapas, ristoranti tutti diversi e tanti negozi da perdere il conto.

Una delle attrattive più importanti di questo quartiere è senza dubbio la Cattedrale di Barcellona che si erge nella piazza principale di questa zona. La struttura risale al quattordicesimo secolo ed, oltre ad essere bellissima, intrisa di storia e molto grande, è maestosa e straordinaria da qualunque angolazione la si ammiri.

Poco lontano dalla cattedrale, camminando per nemmeno un decina di minuti nel vicolo a destra di essa, troverete un altro scorcio meraviglioso chiamato Carrer del Bisbe dove vedrete il meraviglioso Ponte del Vescovo.

img_7021
Ponte del Vescovo

Questo quartiere è meraviglioso e vi consigliamo senza dubbio di “perderci” almeno una giornata per esplorarlo tutto, da cima a fondo, godendovi ogni stradina che il Barrio Gotico ha da offrire.

Assistenza alle disabilità

Questo non è un articolo che avremmo voluto scrivere, ma purtroppo, farsi male, anche lievemente com’è successo a noi, può succedere. Ci è capitato prima della partenza per Barcellona, esattamente due giorni prima: uno di noi è caduto dalle scale  ed, oltre ai vari lividi, ha subito una distorsione alla caviglia. Per questo motivo abbiamo avuto bisogno di stampelle ed assistenza aeroportuale, la situazione non era tragica né troppo grave, perciò abbiamo deciso comunque di partire.

A questo proposito, abbiamo cercato di prendere il buono anche da questa esperienza e di raccontarvi come funziona in aeroporto in questi casi. Quello che abbiamo fatto noi è stato semplicemente chiamare il numero dell’assistenza e raccontare la situazione, abbiamo volato all’andata con Ryanair ed al ritorno con Vueling, e dobbiamo dire che in entrambi i casi l’assistenza è stata ottima. Una volta che vi siete messi in contatto con la compagnia, vi verrà chiesto un indirizzo mail tramite il quale vi avverrà una mail di conferma dall’assistenza.

Il giorno della partenza, arrivate in aeroporto almeno due ore prima del volo e recatevi al box office più vicino, date il vostro nome e spiegate che avete prenotato l’assistenza. Nel giro di una decina di minuti arriverà un assistente che, munito di sedia a rotelle, vi farà percorrere molto velocemente i controlli, senza mai farvi alzare eccetto in caso voi riusciate a camminare per qualche metro passando sotto al metal detector, ed il gioco è fatto. Una volta al gate di competenza, potete fare colazione o mangiare qualcosa in attesa di salire a bordo.

Circa una trentina di minuti prima della partenza, arriverà un altro assistente che vi porterà davanti all’aereo sul quale salirete tramite una rampa apposita. Arrivati a bordo, vi faranno accomodare facendovi scendere dalla sedia a rotelle e metteranno le vostre stampelle, in caso le abbiate, nella cappelliera sopra di voi.

Arrivati a destinazione dovrete semplicemente aspettare l’uscita di tutti i viaggiatori dell’aereo, al termine della quale vi verranno restituite le stampelle ed appena fuori dalla porta del mezzo troverete un terzo assistente pronto a portarvi al ritiro o bagagli o all’uscita dell’aeroporto.

In caso abbiate bisogno di qualche altra informazione, non esitate e poneteci pure qualche domanda nei commenti 🙂

Spiagge di Santorini

Come sapete, Santorini è una delle isole più belle, eleganti e turistiche della Grecia. E’ estremamente tipica, viva e varia. Anche qui, vi consigliamo le spiagge più belle e caratteristiche dove trascorrere delle meravigliose giornate al mare.

La Spiaggia Nera: Kamari Beach, ecco come si chiama questa bellissima spiaggia caratterizzata da piccoli sassolini di colore nero. Come tutti le isole della Grecia, soprattutto le più turistiche, agosto è il mese di massimo affollamento. Noi ci siamo stati verso giugno e non possiamo far altro che consigliarvi questo straordinario posto. In ogni caso, considerate che questa spiaggia si estende per la bellezza di 5 chilometri, quindi è possibile stare in tranquillità anche nei mesi di maggiore afflusso turistico.

10464056_1446523028940129_4817465235264975658_n
Kamari Beach

The Red Beach: questa spiaggia dal colore rosso ferroso è uno dei luoghi più tipici dell’isola. Santorini, essendo vulcanica, offre tanti tipi di spiagge diverse nate dalle varie eruzioni. La particolarità di questa spiaggia è il fatto che è irraggiungibile in macchina, infatti potrete arrivarci solo dopo un lunga camminata su una scogliera a picco sul mare. Una volta giunti a destinazione, godetevi ogni centimetro di questa spiaggia e portatevi a casa una manciata di sabbia rossa!

10439347_1446524355606663_4182478925826084925_n
The Red Beach

Spiaggia di Perissa: questa è una delle spiagge più frequentate di Santorini, è una spiaggia attrezzata, dove potrete praticare diversi sport acquatici come windsurf ed immersioni. Inoltre c’è un lungomare ricco di bar, ristoranti e negozietti dove godervi una passeggiata al tramonto.

Buckingham Palace: God Save the Queen

buckingham-palace
Foto dal Web

Londra è una città di contrasti. Da una parte vedrete i punk, i negozi vintage, gli studi di tatuaggi ed i mercati, dall’altra non dovete dimenticare di essere in un Regno. A questo proposito, come non visitare Buckingham Palace? Non vi stiamo consigliando di appostavi davanti al palazzo ed aspettare il cambio della guardia, senza dubbio suggestivo, ma parecchio inflazionato. Esistono dei tour guidati che vi permetteranno l’accesso al palazzo vero e proprio. Partiamo dal presupposto che Buckingham Palace è la residenza ufficiale della Regina ed in quartier generale della monarchia inglese, già questo potrebbe bastare per affascinare la maggior parte di noi, continuiamo dicendovi che vi sarà possibile visitare le stanze ed i saloni, le scuderie e le sale di stato dove la Regina tiene varie riunioni. Insomma, a nostro avviso, è una tappa obbligatoria di una vacanza a Londra che si rispetti. Una volta entrati dentro al palazzo attraverso i giardini vi sentirete davvero dei reali, le stanze sono grandissime, curate nei minimi dettagli, pulite in maniera maniacale. Questa visita vi farà toccare con mano la vita della monarchia inglese, non potrete fare a meno di notare quadri ed arredi sontuosi e di valore inestimabile. Ci hanno colpito particolarmente gli affreschi presenti sui soffitti e sulle pareti del palazzo, vi sentirete di vivere in un’altra epoca. Godetevi la visita e non perdete nemmeno un centimetro della residenza, ammirate ogni candelabro ed ogni scalinata dorata che attraverserete.

Il London Eye: Londra vista dall’alto

Lead-London-Eye
Foto dal Web

Anche Londra, come tutte le grandi città, è molto affollata e caotica, ma c’è un posto dal quale potrete osservare la città in una veste diversa. La sensazione di salire su di una ruota panoramica rende il tutto parecchio poetico: le luci sulla città, il Tamigi sotto di voi ed il cielo londinese in cui sarete immersi non appena “prenderete il volo”.

Il London Eye arriva a 135 metri ed è una struttura veramente imponente, la vista di cui potrete godere da qua su è davvero impagabile, se siete soliti fare tante belle foto in vacanze, questo è senza dubbio uno dei posti migliori per catturare il momento. Vi trovate vicino ad attrazioni come il palazzo di Westminster, il Big Ben e Trafalgar Square, credeteci se vi diciamo che vederli dall’alto è un’emozione unica. Il giro dura circa 30 minuti ed il costo è di 24.95 sterline per gli adulti, 18.95 sterline per i bambini dai 4 ai 15 anni e gratuito per i minori di quattro anni. Certo, il costo è abbastanza elevato, ma ne vale assolutamente la pena. Per raggiungere il London Eye vi consigliamo di scendere alla fermata Westminster o Waterloo.

Il meraviglioso Natural History Museum of London

Natural_History_Museum_London_Jan_2006
NHM (Foto dal Web)

Siamo dell’avviso che questo museo meriti un’intera giornata di visita. Fa parte di quei musei gratuiti di cui vi abbiamo già parlato, il che rende tutto più piacevole ed ogni centimetro di questo posto vale la vostra visita nella capitale inglese. Rimarrete stupiti subito dallo splendido edificio che ospita le varie collezioni, costruito nel 1870 appositamente per ospitare la collezione naturale appartenente al British Museum. All’interno troverete quattro piani e la bellezza di trentatré sale espositive, una più bella ed interessamento dell’altra. Le collezioni sono quattro e si dividono in: botanica, entomologia, paleontologia e zoologia. I pezzi forti di questo museo sono senza dubbio i dodo, i panda, lo scheletro di balenottera azzurra, il cervello umano, gli scheletri fossili di moltissimi dinosauri come il diplodoco e lo stegosauro, e la sezione di sequoia gigante.

Il museo, oltre ad essere diviso in collezioni, si articola anche in zone  colorate.

Zona rossa: qui troverete il laboratorio della Terra, la Terra oggi e domani, tesori della Terra e Impronte che durano.

Zona verde: in questa sezione potrete vedere rettili marini fossili, sequoie giganti, primati, minerali e meteoriti ed uccelli.

Zona blu: qui troverete la parte dedicata a dinosauri, pesci, anfibi, rettili, invertebrati marini e mammiferi.

Zona arancione: qui troverete le sale “Bozzolo”, Lo studio di Attenborough, L’edificio di zoologia ed il giardino della natura.

Per questa sera vi consigliamo il ristorante CERU di cucina libanese ed israeliana, piatti coloratissimi ed ambiente molto curato.

Portobello Road, il Tamigi e la Torre di Londra

Fate in modo di trascorrere a Londra almeno un sabato mattina della vostra vita per non perdervi il bellissimo mercato di Portobello Road, nei pressi di Notting Hill. Qui troverete di tutto, per tutte le tasche e per tutte le occasioni. Vestiti vintage dall’aria floreale ed un po’ inglese, cappotti di seconda mano in vera pelle, ma anche libri, musica, oggetti di antiquariato e tanto altro. Non troverete solo di cui vestirvi, poco più avanti ci sono i banchetti alimentari con tutte le loro tipicità. Non mancate di visitare la libreria del famoso film Notting Hill, il Travel Book Shop di Hugh Grant, teatro della storia d’amore con Julia Roberts. Qui, a Portobello, ci perderete almeno quattro o cinque ore, spererete di non dover entrare più da nessuna parte, ma all’improvviso un negozio vi colpirà ed uscirete con altri sacchetti. Il fascino di questa zona non ha eguali, siete circondati da case colorate, strane personalità e viali alberati.

shops-in-portobello-road-notting-hill-london-conde-nast-traveller-Richard-Taylor-4Corners
Notting Hill (Foto dal Web)

Non lontano troverete anche qualche bancarella di stilisti emergenti che propongono i loro modelli, Londra in effetti è piena di opportunità. Finito il vostro giro mattutino arrivate sul Tamigi e godetevi una passeggiata sul fiume fino ad arrivare alla maestosa Torre di Londra e patrimonio dell’ UNESCO. Qui il biglietto, a differenza della maggior parte dei musei della città, lo pagherete intorno alle 22 sterline, ma ne vale davvero la pena. Questo castello è stato fondato nel 1066 ed è stato utilizzato dal 1100 in poi come carcere. All’interno troverete i preziosissimi Gioielli della Corona, visiterete poi la Torre Bianca, costruita per incutere paura e timore ed allontanare i nemici. Procedendo, arriverete alla Torre delle Torture, dove sono esposti vari oggetti di tortura utilizzati in passato per i prigionieri del carcere. Per questa sera vi consigliamo di cenare al Ping Pong, un locale molto carino di cucina fusion asiatica, ottimo per rilassarvi e mangiare qualcosa di particolare circondati da un’ottima atmosfera.

Tower_of_London_viewed_from_the_River_Thames
Torre di Londra (Foto dal Web)

Covent Garden: il Quartiere Artistico di Londra

COVENT_GARDEN_MARKET_BUILDING_7482_pano_12
Foto dal Web

Covent Garden è un luogo davvero affascinante, innanzi tutto per la storia che lo contraddistingue. Pensate che nel dodicesimo secolo era un orto botanico del convento di St. Peter a Westminster, divenne solo parecchio tempo dopo teatro di giocolieri ed artisti di strada come lo conosciamo noi. Non appena salirete dalla metropolitana, la famosa Tube, vi sentirete catapultati in un mondo parallelo, fatto di artisti, gallerie d’arte come la National Portrait Gallery e teatri, come la Royal  Opera House che si trova proprio nella piazza principale. L’Opera House non è l’unico teatro nelle vicinanze, troverete qui il Coliseum, il New London Theatre ed il Novello Theatre. Da questo luogo sono passati artisti come Maria Callas, Renata Tibaldi, Katia Ricciarelli e molti altri. Covent Garden non ha nulla da invidiare alle altre vie dello shopping, anche qui infatti troverete tantissime boutique, sia di lusso che più a buon mercato, dove acquistare capi di ottima qualità, senza contare il fatto che se cercate strani negozi, siete proprio nel posto giusto. Uno degli esempi è il famoso Stanfords, un bellissimo negozio di mappe che vanta una lunga storia a partire dal 1901 ed ha ospitato al suo interno personaggi come Sherlock Holmes. Questo posto è un tripudio di differenze e salti d’epoca, basti pensare che vicino a negozi antichi troverete anche un Apple Store inaugurato nel 2010 che ha il primato di essere il più grande del mondo.

A Covent Garden potete fermarvi per fare shopping, per ammirare i teatri ed i negozi, ma anche per mangiare qualcosa. Vi segnaliamo due locali molto carini: Lamb&Flag e Roxy.

Quanto costa visitare Barcellona?

Questa domanda attanaglia un po’ tutti i viaggiatori: che siate dei giramondo in cerca di avventura o persone che viaggiano una volta ogni tanto, vi starete chiedendo quanto potreste spendere in media per tre o quattro giorni a Barcellona.

Per fortuna, nostra e vostra, la risposta è positiva. Come già espresso in modo un po’ sbrigativo nell’ultimo articolo dedicato alla scoperta di questa città, non troverete prezzi esorbitanti, i ristoranti non sono cari, nonostante si mangi molto bene, gli hotel sono assolutamente nella norma, esattamente come i mezzi pubblici, i taxi, i musei e le attrazioni di questa stupenda città spagnola.

Detto ciò, andiamo per gradi:

Hotel/Alloggio: Barcellona è una città molto varia e di questa qualità ne risentono anche gli alloggi. Il risultato è che la questione è estremamente democratica, potete decidere di alloggiare in un ostello spendendo una media di 50€/60€, in un hotel a tre stelle spendendo circa 100€/120€ a notte oppure in un hotel a quattro o cinque stelle che variano da un minimo di 160€ ad un massimo di circa 800€ a notte. La scelta è davvero ampia.

Ristoranti: dobbiamo confessarvi che siamo stati positivamente colpiti dalla qualità e dai sapori che abbiamo assaggiato in questa città. Abbiamo mangiato davvero molto bene e non abbiamo mai speso una fortuna. Ci è venuta in aiuto l’applicazione The Fork, con la quale abbiamo prenotato quasi tutti i ristoranti, e che mette a disposizione sconti del 20%,30% o addirittura 40% in cambio di una prenotazione tramite App. Vi basterà scaricarla sul vostro cellulare e prenotare un ristorante nelle vicinanze. In ogni caso, non abbiamo mai speso più di 30/35€ in due!

Taxi e mezzi pubblici: siamo soliti usare quasi sempre i mezzi pubblici, il taxi è uno di quei mezzi che tendiamo ad utilizzare in situazioni di emergenza come ritardi o estrema stanchezza. Purtroppo però, in questo caso è stato necessario perché uno di noi due ha pensato bene di “stampellarsi” due giorni prima della partenza. E’ abbastanza ovvio che, trattandosi solo di una distorsione alla caviglia, abbiamo deciso comunque di partire. Proprio per questo motivo abbiamo usato principalmente il taxi che, ad onor del vero, non abbiamo ritenuto essere troppo costoso. Sarà che siamo abituati a Milano, dove farsi due minuti di taxi equivale ad ipotecarsi l’appartamento, ma in questo caso non avremmo avuto altra scelta. La media per una corsa in taxi di circa 15 minuti è di 10/15€.

Ovviamente, il  modo migliori e più economico per muoversi, sono comunque i mezzi pubblici.

Victoria&Albert Museum, il Museo della Scienza, un giro da Harrods ed il famoso Fish&Chips

Anche quest’oggi non vi annoierete, visitate il Victoria&Albert Museum di Londra, anch’esso gratuito. E’ uno dei più importanti musei del mondo dedicati alle arti minori ed applicate, ma troverete anche tantissimi dipinti e sculture. Questo posto è immenso e non ci vorrà poco a visitarlo in ogni sua sfaccettatura. Non mancate ad un appuntamento fisso con gli hot dogs ottimi che servono nei chioschi qui davanti. Mentre mangiate il vostro panino, sedetevi nel parco circostante e godetevi la tranquillità di un pic-nic all’aria aperta.

Victoria-and-Albert-museum-London
V&A (Foto dal Web)

Prestate attenzione solo a non lasciare cartacce una volta concluso il vostro pranzo, sarebbe un peccato sporcare un posto così ben tenuto. Proprio vicino al V&A troverete il Museo della Scienza, un’ altra tappa di sicuro interesse che presenta una collezione di circa 300.000 oggetti di origine scientifica. Troverete qui il primo motore a reazione, modelli di DNA e la documentazione della prima macchina da scrivere. A questo punto vi sveliamo un segreto: siete vicino al famosissimo Harrods!

Harrods-foto-di-raghavvidya-via-flickr
Harrods (Foto dal Web)

Andate in Brompton Road, passate davanti alle vetrine e rimanete estasiati dalla bellezza e dalla cura delle stesse, se avete la fortuna di soggiornare a Londra durante il periodo natalizio le vetrine di Harrods vi faranno arrivare il cuore di gola. Entrate e fate un giro tra i piani di questo grande magazzino: comprate un orsetto che vi ricorderà per sempre la vostra vacanza, lustratevi gli occhi davanti agli articoli di lusso e bevete il tè delle cinque al piano terra nell’area food. Usciti da Harrods regalatevi un fantastico fish&chips sempre nella centralissima Brompton Road. Il posto perfetto si chiama Fish&Chips ed offre cucina britannica a tutto tondo.