Tour organizzati

Tour organizzati o totale autonomia? Questo è il dilemma!

Per come la vediamo noi, la scelta dipende molto dal tipo di viaggio che si desidera intraprendere. Esistono meravigliose città come New York, Los Angeles, Barcellona o Praga che potete senza dubbio girare in completa autonomia. Prendere un taxi o un mezzo pubblico non è un grosso problema, arrivare in un museo e pagare il biglietto è tendenzialmente facile (salvo imprevisti) e camminare per le vie di una città in cerca di un ristorante non è un’impresa che solo un tour operator può portare a termine. Quindi, sostanzialmente, è bene che vi cimentiate in queste attività. Diverso è il discorso se il vostro viaggio è organizzato a tappe molto diverse tra loro, se dovete sostenere molti spostamenti oppure organizzare escursioni in posti riguardo ai quali conoscete poco o niente. In questo particolare caso, vi consigliamo di affidarvi a dei tour operator locali e non. Un tempo esisteva solo l’agenzia di viaggi che preparava per voi voli, hotel, spostamenti e via dicendo, spesso e volentieri spillandovi parecchi denari in più rispetto a quanto avreste speso agendo da soli. Oggi, per fortuna, esistono moltissimi siti che vi danno l’opportunità di prenotare solo un’escursione in un determinato posto, un trasporto dal vostro hotel all’aeroporto o cose di questo genere. A tale proposito vi segnaliamo l’esistenza di due portali:

https://www.viator.com

https://www.getyourguide.it

Per il momento non li abbiamo ancora testati, ma ne faremo uso quest’estate per il nostro prossimo viaggio che avrà luogo tra luglio ed agosto in Perù, solo dopo quest’esperienza, sapremo darvi un’opinione veritiera riguardo questi servizi.

Per il momento possiamo dirvi che l’idea di tour organizzato ci piace molto, in particolare, queste due piattaforme offrono moltissime esperienze a prezzi onesti ed avremo la possibilità di conoscere molte persone e confrontarci con altrettanti viaggiatori!

2 pensieri riguardo “Tour organizzati

  1. Hey, anche noi andiamo in Perù ad agosto 🙂 effettivamente è un posto nel quale ci si può affidare poco al proprio “istinto” a meno che non si ha a disposizione molto tempo, e così ci stiamo affidando anche noi a vari tour operator locali che la mia fida sta contattando dopo varie ricerche sul web.
    In Nepal ci siamo dovuti per forza di cose affidare ad un “tour operato” visto che eravamo lo solo una settimana. Fortunatamente l’hotel dove soggiornavamo aveva anche il servizio guida e così…
    In Cambogia invece si può fare molto da soli. Noi abbiamo preso una guida per 4 giorni attraverso un TO italiano sul posto ma l’esperienza è stata molto onerosa e poco utile

    1. Ciao Marco! Che bei posti che avete organizzato 🙂 che tour operator avete scelto per il Perù? Come organizzerete la visita al Macchu Picchu ? 😊

Rispondi