Siate turisti!

Troppo spesso abbiamo sentito frasi come “io a New York eviterò di salire sull’Empire State Building, è troppo turistico”, oppure “E chi me lo fa fare di visitare Piazza Duomo a Milano, solo turisti e piccioni”, o ancora “Non parlatemi di Universal Studios, la California è così bella, non vado certo a rinchiudermi un giorno dentro ad un mondo fittizio, costoso e sopravvalutato”.

Va bene, è verissimo. Non molto raramente i luoghi turistici vengono presi d’assalto, per l’appunto, dai turisti e dai viaggiatori, è anche vero che la fama di un luogo comporta anche il lievitare dei prezzi e le code d’attesa, ma mettetevi in testa una cosa: se visitate una città o uno stato tutto nuovo, fate parte dei turisti anche voi. Non sempre questo è un male, anzi, il turista è colui che, essendo in vacanza, non ha voglia di limitarsi e si compra un souvenir in più perché “tanto non ci tornerò certo domani”, il viaggiatore è colui che cammina col naso all’insù incurante di ciò che gli accade attorno, l’esploratore è colui che si meraviglia di fronte ad oggetti e case, palazzi e libri, persone e negozi. Non esagerate con l’idea di non essere troppo turisti, il bello del viaggio è la scoperta e l’ammirazione, anche delle cose più scontate, non sia mai che vi perdiate delle esperienze solo perché le trovate “troppo scontate”. Ricordate che, spesso, se un luogo ha la nomea di essere molto affollato e super visitato, forse un motivo c’è.

Non vergognatevi di fare lunghe code, piuttosto comprate il biglietto online e vedrete che sarà tutto più veloce, non siate timidi e fermatevi a fare tante foto anche alle cose più scontate, non si sa mai, forse prima o poi mostrerete quella foto a qualcuno di importante.  Siate turisti 🙂

4 pensieri riguardo “Siate turisti!

  1. Riflessione interessante! Eppure credo che si potrebbe fare di più per limitare il turismo massiccio. Per fare un esempio: quando sono andata a vedere la Casa Battló non ho vissuto una bella esperienza per l’enorme quantità di gente che c’era, bisognava addirittura sgomitare in alcuni punti per aprirsi un passaggio e questo è stato un peccato perché non ha permesso né a me né alle persone accanto a me di godersi appieno la meraviglia del posto. Un ingresso limitato a poche persone per volta avrebbe reso tutto più godibile. Cosa ne pensate? 😊

    1. Sicuramente! Purtroppo a volte lo sbaglio viene fatto dalle associazioni di questi luoghi che, per guadagnare di più, permettono l’ingresso a troppe persone nelle stesse ore. Credo si stia facendo un passo avanti in alcune situazioni: sul Macchu Picchu, per esempio, stanno facendo un’azione di questo tipo 🙂

      1. Sì, soprattutto in posti di importanza archeologica/naturalistica 🙂

Rispondi