Perché intraprendere un viaggio in Perù?

Buongiorno a tutti e bentornati!

Dopo la pausa estiva, durata circa un mese, siamo pronti per raccontarvi tutto, ma proprio tutto del nostro ultimo viaggio. Quest’anno abbiamo deciso di esplorare il Perù in lungo e in largo, partendo da Lima e culminando con la visita al Machu Picchu. Le ragioni che ci hanno spinto ad intraprendere questo itinerario proprio in questo paese sono molteplici e ci piacerebbe condividerle con voi perché possiate scegliere, forse in un futuro, di buttarvi nel nostro stesso itinerario.

6C317E5A-409F-41D8-B7B8-0471B1431FB1
Sulla strada da Arequipa a Puno

In definitiva, quali sono state le reali ragioni del nostro viaggio? Ecco a voi!

  1. La lontananza: andare in Sud America significa esplorare per la prima volta l’altro emisfero, non trovarsi più nel Nord del mondo, ma nel Sud. La sensazione è fantastica, le stagioni sono invertite, le abitudini sono diverse, ci troviamo talmente lontani dalla nostra Italia, che sembra di stare su un altro pianeta. Inoltre, il fatto di stare così lontani, ha una caratteristica estremamente positiva: si stacca, e si stacca per davvero.

    8c4a96f0-afcd-410a-b469-6e8c1ab9223f
    Piccola bancarella a Huacachina
  2. Prezzi contenuti: in vacanza non ci piace limitarci, questo non significa sperperare in maniera indegna, ma non abbiamo nessuna voglia di stare attenti ad ogni centesimo che spediamo. In Sud America, in questo caso in Perù, è molto facile non spendere molto. Non aspettatevi voli aerei economici, soprattutto nel mese di agosto, ma possiamo assicurarvi che la vita costa davvero molto meno rispetto all’Europa, di conseguenza con pochi euro al giorno potrete concedervi anche qualche sfizio.
  3. Il freddo: come dicevamo, le stagioni sono invertite rispetto alle nostre, questo significa che lascerete i 35°/40° dell’Italia, ed atterrerete in un paese nel quale le temperature oscillano tra i -5° ed i 22°. La cosa buona di queste temperature è il fatto che non avrete nessun problema nel visitare o camminare per tutto il giorno, vi godrete delle belle giornate all’insegna del divertimento e della scoperta.
  4. Varietà: la parola d’ordine per definire il Perù è senza dubbio “varietà”. Varietà di cibo, di popoli, di clima, ma soprattutto di paesaggi. Passerete dalla grande città al villaggio di pescatori, dal lago alla montagna, dall’oasi nel deserto alle foreste.

    Queste sono state il linea di massima le motivazioni che ci hanno spinto a regalarci questo viaggio indimenticabile. Da domani inizieremo a darvi tantissime informazioni a riguardo, a raccontarvi tutte le nostre giornate e farvi entrare un pochino nell’ottica di un viaggio in Perù 🙂

34b39541-d5e8-4b9d-a114-c24d2e5277c3
Saline di Maras

Quando partire per un viaggio in Perù?

Come dicevamo nell’articolo precedente, il Perù si trova nell’emisfero opposto al nostro, quello australe, per questo motivo le stagioni sono invertite. Non fatevi ingannare dall’idea di un Sud America caldo; questo non è il caso del Perù. Il periodo migliore per partire per questo paese è senza dubbio quello in cui trascorre la nostra estate. Questa parte dell’anno è caratterizzata da giornate fresche, leggermente ventose, e sere abbastanza fredde, soprattutto nella zona Andina. In base al nostro itinerario, vi lasceremo qui sotto un piccolo schema delle temperature massime e minime dei luoghi che abbiamo visitato.

Una delle cose che più ci ha stupito è il fatto che in Perù, soprattutto a Lima, non ha mai piovuto. Sarà più facile incorrere in qualche rovescio nella regione Andina, ma nulla di estremamente invalidante. Fortunatamente questo periodo climatico è anche quello in cui la maggior parte degli italiani ha le ferie, per questo motivo, non sarà difficile ritagliarsi circa due settimane per visitare questo fantastico paese.

Schermata 2019-08-20 alle 20.42.23

Quante settimane servono per un viaggio in Perù?

Questa è una delle domande che ci sono state rivolte più frequentemente: “Quanto tempo ci vuole per svolgere il vostro stesso itinerario in Perù?”

In realtà la risposta non è per nulla scontata. Noi siamo stati via esattamente 18 giorni, c’è chi ci mette di più e chi ci mette meno, dipende moltissimo da cosa si vuole vedere in ogni destinazione, con quanta calma si vogliono affrontare le giornate ed è ovviamente necessario fare i conti con i giorni che si hanno a disposizione. In linea di massima vi consigliamo non meno di due settimane, tempo che riteniamo consono per vedere un po’ tutto. Andando più nello specifico, vi consiglieremo qui di seguito quanti giorni fermarvi in ognuna delle tappe.

Lima: in questa città, caratterizzata da un clima mite e dalla nebbia classica di Lima, potreste fermarvi dai due ai tre giorni, noi abbiamo optato per due giornate piene, eravamo più interessati a vedere altro, ad addentrarci nel Perù più autentico.

IMG_E8340 (1)
Lima

Paracas: le attrazioni principali di Paracas sono le Isole Ballestas, visita che dura circa due ore, e la Riserva Nazionale di Paracas che visiterete in circa tre ore. Idealmente, si potrebbe fare tutto in un giorno e partire anche la sera stessa, evitando di dormire a Paracas. Noi abbiamo optato per l’arrivo la mattina presto, le escursioni in giornata e la notte in un meraviglioso albergo sul mare. Ci è sembrata l’opzione più rilassante e meno complicata.

13d03c8e-cdb5-49ae-9606-a0bc34f51124 (1)
Leoni marini delle Isole Ballestas

Huacachina: vi consigliamo di dormire a Huacachina una sola notte, non serve nulla di più, considerando che l’unica attrazione è l’oasi. Anche in questo caso avremmo potuto evitare la notte, ma non avremmo avuto la possibilità di stare da soli sulle dune fino a tardi e vedere una volta celeste alla quale non eravamo più abituati.

IMG_9884 (1)
Oasi di Huacachina

Arequipa: questa città non è bella, di più! Il consiglio che vi diamo è di rimanere nei dintorni almeno tre notti. Qui avrete molto da visitare: il Monastero di Santa Catalina, il Museo dove troverete la piccola Mummia Juanita ed il Canyon de Colca, che dista circa tre ore dalla città, sono le maggiori attrazioni e non potete perdervene nemmeno una.

6df02250-0bee-441a-8c38-46563893fba6 (1)
Monastero di Santa Catalina

Puno: questa cittadina non è nulla di che, dire che troverete qualche esercizio qua e là è un eufemismo, eppure è meta di tantissimi viaggiatori per la sua vicinanza al Lago Titicaca. Vi consigliamo di rimanere a Puno due notti per acclimatarvi, considerate che qui sarete a circa 4000 metri sul livello del mare.

24bfb886-05b6-443f-94b2-8723b75d74ad (1)
Entrata alle Isole de Los Uros

Valle Sacra: questa è la parte migliore del viaggio, se ne avete la possibilità, vi consigliamo di rimanere nella Valle Sacra per circa una settimana. Chiaramente, in base a ciò che volete vedere, potete spostarvi durante i giorni che avete a disposizione, ma non fate l’errore di dedicare pochi giorni a questi luoghi spettacolari.

2c026862-975e-4042-bde4-c267b7f5401e (1)
Zona archeologica di Moray