Periodo migliore per visitare Milanoo

49155714_358975457990575_5190332114515525632_o
Galleria Vittorio Emanuele, Milano

Milano è una città dinamica, che offre sempre tanto e ci ingloba totalmente dentro se stessa. La verità è che non c’è un periodo in cui vi consigliamo di visitarla, ma c’è sicuramente qualche periodo in cui, al contrario, sarebbe bene evitarla.

  1. Settimana della Moda e Salone del Mobile: in questo caso ci sono sia pro che contro. È chiaro che in caso voi siate appassionati di moda e design, questi periodi rappresentano i momenti migliori per rimanere aggiornati su questo tipo di temi. È vero, però, che sono settimane davvero affollate, in cui tutto costa di più, prezzi di hotel, voli e treni aumentano vertiginosamente ed i ristoranti sono sempre pieni. Se proprio non potete fare a meno di venire a Milano durante queste settimane, prenotate con un po’ di anticipo.
  2. Mesi estivi, in particolare agosto: anche Milano, ogni tanto, si riposa. Agosto è il mese fantasma di questa città, a parte il centro storico, che è comunque molto meno affollato, tutto il resto della città chiude i battenti. Alcuni negozi sono chiusi, la stessa cosa vale per i ristoranti e per molti esercizi che si godono una meritata pausa. Inoltre Milano d’estate è davvero calda, talvolta arriva addirittura a 40 gradi, soprattutto nel mese di agosto.

In definitiva, riteniamo giusto dirvi che, nonostante Milano sia sempre visitabile, i migliori periodi sono i seguenti:

  1. Periodo Natalizio: in questo momento dell’anno le vie del centro vengono addobbate da lucine natalizie che rendono l’atmosfera davvero magica.
  2. Periodo autunnale/invernale: questo è il periodo perfetto, si tratta di mesi relativamente freddi, anche se non eccessivamente. Basterà coprirvi e camminare per le vie della città per godervi ogni singolo momento della vostra vacanza.
52259284_376843606203760_1348275205847384064_n
Milano

La metropolitana di Milano: una finestra sulla città

mappa-metropolitana-milano-1
Mappa della Metropolitana, Milano

“La metro c’è solo a Milano”. Questo è uno dei luoghi comuni che abbiamo snocciolato venerdì per farvi fare una risata.

Milano è una città grande, c’è poco da fare. Nonostante ciò, i mezzi pubblici, sia quelli di superficie che i sotterranei, sono molto comodi, ben organizzati e funzionanti, quindi in un men che non si dica si può arrivare davvero ovunque, e questo è il bello della città. Ci sono quattro metropolitane più una quinta in costruzione: la rossa, la gialla, la verde, la lilla e la futura metro blu.

Negli ultimi anni il comune ha investito parecchio per le ultime due metropolitane, questo ha portato ad un aumento del turismo e, sicuramente, ad una nuova ed ottima alternativa per i cittadini, che riescono a muoversi tranquillamente da una parte all’altra della città. Le tre metropolitane storiche, però, rimangono la rossa, la gialla e la verde, tant’è che c’è qualche milanese che, semplicemente per principio, non considera nemmeno che la lilla esista!! Ma andiamo per gradi: abbiamo voglia di farvi conoscere Milano in ogni sua sfaccettatura ed abbiamo capito che non possiamo far altro che partire dalla metropolitana, il mezzo più comodo, veloce ed economico per il vostro prossimo week end lungo nel Nord Italia.

Linea Rossa: la linea Rossa (o linea 1) è la prima metropolitana inaugurata in città nel lontano 1964, si tratta di una linea che parte da Sesto Primo Maggio FS ed arriva a Bisceglie/Rho Fiera. Comprende 38 stazioni e per arrivare da un capolinea all’altro il medio tempo di percorrenza è di 45 minuti. L’importanza di questa linea è data dal fatto che tra le fermate siano annoverate:

  1. Loreto: punto d’incontro con la metro verde ed ottimo punto di partenza per fare un po’ di shopping in Corso Buenos Aires.
  2. Duomo: la fermata del “centro” per eccellenza, vi troverete davanti la meravigliosa Piazza del Duomo.
  3. Cadorna: fermata importantissima in quanto non solo potete cambiare dalla rossa alla verde, ma potete anche prendere tantissimi treni per girare in Lombardia o nel resto d’Italia.
  4. Pagano: “la fermata bivio” è da qui che potrete decidere di prendere la metro per Rho Fiera o la metro per Bisceglie.

Linea Verde: la linea Verde (o linea 2) è la seconda metropolitana inaugurata in città, nasce infatti nel 1969 e porta da Abbiategrasso/Assago a Cologno/Gessate. Anche in questo caso, le fermate più emblematiche sono le seguenti.

  1. Centrale: non potete passare da Milano e non visitare la Stazione Centrale. Si tratta di un monumento, prima che di una stazione.
  2. Garibaldi: scendendo a Garibaldi avrete la possibilità di visitare uno dei quartieri centrali più belli ed espressivi della città.
  3. Porta Genova: a Milano un terremoto potrà sentirsi solo lievemente, questo perché sotto alla città c’è l’acqua, ed i Navigli ne sono la prova. Scendete in Porta Genova e godetevi un pomeriggio romantico tra piccole botteghe e palazzi d’epoca.

Linea Gialla: la linea gialla (o linea 3) venne inaugurata del 1990 e fu l’ultima metropolitana per più di vent’anni. I due capolinea sono San Donato da una parte e Comasina dall’altra, ed anche in questo caso, le sue fermate nascondono tante belle sorprese, tra cui quella che stiamo per svelarvi:

  1. Montenapoleone: la via dello shopping di lusso per eccellenza, camminate tra le vetrine e lustratevi gli occhi per una mezz’oretta abbondante.

Linea Lilla: questa linea è stata inaugurata solo nel 2013, nonostante ciò, dovreste salirci solo per vedere coi vostri occhi l’evoluzione della metropolitana negli anni. Le tre linee precedenti rappresentano le metropolitane storiche della città, ma la lilla ha tutto un appeal diverso, si tratta di qualcosa di futuristico, totalmente nuovo e molto particolare. Inoltre, tra le fermate di quest’ultima metro troverete la seguente:

  1. Tre Torri: si tratta di un complesso relativamente nuovo, realizzato dal 2004 in poi. Non vogliamo svelarvi niente, ma questa zona sta diventano davvero d’interesse negli ultimi anni.