GECO: una fiera virtuale, sostenibile e tutta italiana

Buongiorno lettori, ormai ci conoscete e sapete bene che, per noi, dare importanza a realtà innovative, amiche dell’ambiente e sostenibili è un obiettivo assolutamente imprescindibile dal nostro lavoro. Il mondo è un posto bellissimo che merita l’aiuto di ognuno di noi e, chi più chi meno, deve metterci le mani in maniera responsabile e rispettosa, evitando quel tipo di turismo detto “predatorio”. Esplorare luoghi naturalistici, come sapete, ci aiuta a metterci in contatto con la cultura dei luoghi, avendone sempre il massimo rispetto, vivendo le nostre avventura in un’ottica responsabile.

Perchè il turismo ha a che fare con la sostenibilità?

Fino a non troppi anni fa, erano in pochi ad occuparsi dei temi legati all’ambiente, spesso questo tipo di discorsi erano affrontati da scienziati, naturalisti o pochi eletti legati al mondo della sostenibilità. Inoltre, viaggiare, era molto più complicato e non tanto democratico quanto oggi: andare dall’altra parte del mondo non è più appannaggio elitario di pochi, ma intenzione condivisa di moltissimi, tra cui giovani e giovanissimi. E’ proprio questo il motivo per il quale la sostenibilità ha cominciato ad andare a braccetto col turismo, se le mete, le possibilità ed i viaggi sono largamente aumentati, è bene che ognuno di noi sappia come farlo al meglio, tenendo bene a mente questi temi.

Cos’è GECO?

GECO è la fiera virtuale sulla sostenibilità per il turismo, l’energia e la mobilità che si svolgerà totalmente online e in modalità interattiva e offrirà a tutti i partecipanti e ai visitatori l’esperienza immersiva di una fiera di settore. Questa volta GECO si terrà il 28, 29 e 30 Gennaio 2021 e darà la possibilità a tutti noi di godere di un’esperienza in un mondo 3D, grazie alla piattaforma Hypersmarter, che ci aiuterà a partecipare agli eventi in programma con avatar interattivi, una vera e propria realtà virtuale per ammirare progetti legati alla sostenibilità dell’ambiente in cui viviamo, patrimonio di tutti noi. Tramite le modalità sopraelencate, potremo conoscere gli operatori del settore che presenteranno i loro progetti, tramite stand fieristici virtuali, volti a dare importanza al turismo green e responsabile, alle innovazioni per mobilita ed alle forme di energia sostenibili ed utilizzabili per questo settore.

Perché è importante partecipare?

Prendere parte ad un progetto di questo tipo, qualunque lavoro si svolga, è importante per il turismo italiano che, a causa del brutto periodo che ha investito il settore turistico e l’economia legata ad esso, ha subito un grande contraccolpo. L’Italia è un faro, da sempre, il nostro paese offre scenari del tutto particolari, dalle Alpi alle vallate, dal mare cristallino alle città d’arte. Ora siamo noi a dover fare qualcosa per il Nostro Paese, che grazie alla sua infinita bellezza ci offre spunti e riflessioni tutti i giorni, è inoltre nostro interesse tener vivo un settore che lavora con l’estero, in modo che tutti, nessuno escluso, possa ammirare almeno una volta nella vita il nostro territorio.

Chi prenderà parte a GECO?

Questa volta non saranno solo scienziati ed esperti i protagonisti di questo progetto, parteciperanno tutte quelle realtà legate al mondo del turismo green ed esperienziale come alberghi, agenzie di viaggio, enti turistici, influencer e travel blogger. L’unione fa la forza e non è, ormai, possibile discostarsi dalle nuove figure professionali, seppur nate da un tempo relativamente breve. Che senso avrebbe, infatti, parlare di una destinazione senza raccontare il modo migliore per preservarla?

Come funziona?

Partecipare a GECO è semplicissimo e gratuito, si tratterà, come anticipato, di entrare in un vero e proprio mondo virtuale, potendo scegliere il proprio avatar e gironzolando tra gli stand, ascoltando i maggiori esperti riguardo il tema. Durante i tre giorni di fiera, sarà possibile interagire con gli stand e con i partecipanti. Saranno presenti tre tipi di partecipanti: gli espositori, i visitatori ed i buyer.

4 pensieri su “GECO: una fiera virtuale, sostenibile e tutta italiana

Rispondi