Quanto costa un viaggio in Sudafrica?

Sudafrica

Buongiorno lettori, oggi la domanda da un milione di dollari, ovvero “quanto costa un viaggio in Sudafrica?”.

Ora sedetevi comodi e rilassatevi.

In questo articolo vi parleremo, per filo e per segno, di quali siano i costi per intraprendere un viaggio di questo tipo. Partiamo dal presupposto che il Sudafrica è una dei paesi più cari del continente africano. Nonostante ciò, i prezzi non sono comparabili agli standard europei, almeno non del tutto.

Ma quali sono le voci da analizzare per capire quanto costa davvero un viaggio in Sudafrica? Eccole qui, analizziamole insieme.

Volo intercontinentale

Il volo dall’Italia al Sudafrica è la prima spesa da prendere in considerazione. Stiamo parlando di un viaggio che dura circa 10/11 ore, non possiamo aspettarci di pagarlo €20. Solitamente i prezzi si aggirano intorno ai €750/950. Ovviamente, anche in questo caso, si può valutare la possibilità di acquistarlo con molto anticipo. Noi l’abbiamo comprato tramite Skyscanner nel mese di aprile, quindi quattro mesi prima. Questo ci ha permesso di portarci a casa un prezzo davvero ottimo, poco meno di €600 a testa. Considerate che siamo partiti ad agosto, uno dei periodi idealmente più costosi, quindi possiamo ritenerci soddisfatti.

C’è da dire che noi abbiamo viaggiato in periodo di pandemia, quando i voli erano vuoti e la richiesta era poca. Attenzione al fatto che, nel mese di agosto, i costi possono raggiungere anche i €1000.

Macchina a noleggio

Per capire quanto costa un viaggio in Sudafrica è importantissimo valutare il prezzo dell’auto a noleggio. Solitamente, le tariffe si aggirano intorno ai €35/30 al giorno. Se decidete di esplorare il Sudafrica in circa due settimane, con €350, al massimo €450 dovreste essere a posto. Vi consigliamo, in ogni caso, di includere sempre l’assicurazione completa sulla vostra vettura. Spenderete dai €20 ai €50 in più, ma quest’accortezza di aiuterà a stare tranquilli ed evitare di spendere un fortuna, in caso capitasse qualcosa al vostro mezzo.

Pinguino africano

Benzina

In Sudafrica la benzina non costa molto. Secondo le nostre stime, per un viaggio di due settimane, potreste rimanere dentro ai €250 in totale. Ovviamente questo aspetto cambia molto in base a diversi fattori. Se la vostra auto necessita di un pieno ogni 100 chilometri perché beve molto, purtroppo, la spesa si alzerà. In Sudafrica, per fortuna, non abbiamo avuto problemi legati all’auto. Ma in Namibia, è stato un disastro. La nostra macchina non era adatta al paese in cui eravamo, poco provvisto di stazioni di servizio. Il serbatoio si svuotava in un men che non si dica. A questo riguardo, vi consigliamo sempre di controllare a quanto ammonti il serbatoio dell’auto che state andando a noleggiare ed a leggere qualche opinione, online ed offline. Detto ciò, se per la Namibia questa informazione è fondamentale, in Sudafrica troverete stazioni di servizio abbastanza di frequente.

Alloggi

Dobbiamo confessarvi che siamo rimasti davvero stregati dall’ampia offerta e dalla bellezza degli alloggi in Sudafrica. Abbiamo dormito il posti splendidi, con un ottimo rapporto qualità/prezzo. Avrete un’enorme capacità di scelta. Il Sudafrica è costellato da tanti begli hotel ed altrettante meravigliose guesthouse che faranno il caso vostro. Noi abbiamo amato particolarmente la Riversong Guesthouse a Cape Town, la Lavender Guesthouse a Franschhoek e la Lookout Guesthouse a Mossel Bay. I prezzi non sono mai troppo eccessivi. In generale, potreste trovare dei posticini meravigliosi, che in Europa si pagherebbero a peso d’oro, per una cifra intorno ai €70/80 a notte. Ovviamente esistono hotel molto più costosi o molto meno costosi, la scelta è vostra, in base al viaggio che avete intenzione di intraprendere.

Faro di Cape Agulhas

Escursioni

Questo aspetto è molto importante da valutare. I prezzi, in questo caso, raggiungono quasi quelli a cui siamo abituati in Europa. In particolare, le esperienze legate a Safari e Game Drive possono arrivare anche a €40/50 a persona. Più in generale, quando l’esperienza è a contatto con gli animali, i prezzi lievitano, anche perché sono le escursioni più richieste. Nonostante ciò, se volete risparmiare sui Safari all’interno del Kruger, vi consigliamo di leggere la nostra guida al Parco Nazionale. Troverete tutte le informazioni per fare i Game Drive in completa autonomia, pagando solo l’ingresso al Parco.

Anche in questo caso, però, ci sono delle eccezioni. Non si tratta di Game Drive, ma di tre esperienze un po’ particolari da vivere e di cui non vi pentirete. La prima è la visita alla Cango Ostrich Farm di Oudtshoorn. Sarete nella capitale mondiale dello struzzo e vi divertirete tantissimo. La seconda e la terza sono le visite a due dei santuari animali più belli del Sudafrica, Monkeyland e Birds of Eden. Queste esperienze, fortunatamente, sono abbastanza economiche. Per gli struzzi spenderete circa €8, per Birds of Eden e Monkeyland, invece, poco più di €15.

Cibo e souvenir

State tranquilli, in Sudafrica si mangia bene. I ristoranti sono moltissimi, sia di carne che di pesce e riuscirete a spendere circa €15/20 a testa, anche in ristoranti molto carini. Noi abbiamo sempre mangiato carne, perché non siamo amanti del pesce, ma pare che lungo la Penisola del Capo si mangino delle ostriche stratosferiche. Ovviamente, nessuno vi vieterà di scegliere alloggi compresi di cucina e di mangiare in hotel, ma non ne vale la pena. In Sudafrica la cultura gastronomica è molto sviluppata. Assaggerete varie pietanze e siamo sicuri che ne rimarrete soddisfatti.

Spiaggia Sudafrica

Sui souvenir la questione è sempre molto soggettiva. Ognuno spende il proprio denaro come preferisce. Noi, personalmente, amiamo portarci qualche ricordo dai nostri viaggi. Troverete davvero tanti oggetti carini. Uova di struzzo, oggetti intarsiati in legno, tazze, decorazioni per la casa e via dicendo. Uno dei posti più carini dove fare un po’ di shopping è il mercato di Green Market a Cape Town, ve ne parliamo in quest’articolo dedicato alla città. La cifra che potreste spendere per i souvenir potrebbe ammontare a circa €200, ma rimane comunque una voce molto soggettiva.

Dopo tutte queste considerazioni, possiamo provare a fare una media e prevedere una cifra che vada dai €2800/2900 ai €3400 a testa per due settimane di viaggio on the road, ovviamente compreso di volo intercontinentale.

Considerate che questa stima si basa sulla nostra esperienza di due settimane, ad agosto, dormendo in alloggi di livelli medio/alto e non facendoci mancare nulla. Potreste spendere anche molto meno in caso preferiate viaggiare diversamente, o molto di più, se il vostro budget ve lo consente.

Il Sudafrica è un paese pericoloso?

Notte in tenda nei pressi del Kruger National Park

Buongiorno lettori, oggi vorremmo dipanare alcuni dubbi sul Sudafrica che, da molto, ha la fama di essere un paese pericoloso. Molto probabilmente, soprattutto negli anni precedenti, questa narrazione era veritiera.

Ad oggi la situazione è molto cambiata.

Anche ora, forse per retaggio culturale, è rimasta l’idea di non girare a piedi di notte o di non andare in giro da soli. Nonostante questo, secondo la nostra esperienza, possiamo dire che le cose sono molto migliorate. Poco prima di partire, abbiamo avuto una lunga conversazione con una nostra amica. Lei è stata in Sudafrica tra gli anni ’90 e 2000, ed era molto preoccupata per noi. Giustamente, ci ha fatto mille raccomandazioni.

Quando ha visitato il Sudafrica, l’assetto di questo paese era effettivamente molto instabile. C’era addirittura il coprifuoco dopo una certa ora di sera. C’erano quartieri consigliati, ed altri assolutamente “vietati” ai turisti. All’epoca, un viaggio in questa nazione, avrebbe comportato molti più problemi rispetto ad ora.

Siamo partiti con un po’ di timore. Non sapevamo cosa aspettarci. Abbiamo letto molto a riguardo e, in particolare online, abbiamo trovato fonti molto contrastanti. C’era chi reputava il Sudafrica ancora pericoloso. C’erano anche i classici turisti della domenica per cui il mondo è tutto bello e non esiste il male da nessuna parte. Proprio questo atteggiamento è quello che vogliamo evitare. Noi abbiamo mai sopportato la storia secondo la quale “un posto vale l’altro”. Non è questione di razzismo.

Qui a Milano, dove viviamo noi, è pieno di posti pericolosi, che noi stessi non frequentiamo e non consiglieremmo ad altri di visitare.

Table Mountain, Cape Town

Il Sudafrica, purtroppo, è un paese di contrasti, in particolare nelle città. Esistono zone stupende e zone che fanno davvero, davvero paura. Oggi vogliamo provare a darvi qualche consiglio pratico per evitare situazioni spiacevoli, ovviamente tutto ciò che scriveremo fa parte della nostra esperienza diretta, ma che rimane la nostra.

Auto e parcheggi

Iniziamo col dirvi che la maggior parte degli hotel e delle guesthouse hanno un parcheggio interno o sorvegliato. Questo, ovviamente, per noi viaggiatori è un’ottima cosa. Purtroppo, non sono rari i furti d’auto, ma anche quelli di oggetti all’interno delle macchine. Per questo motivo, vi consigliamo di portar fuori tutto ciò che avete in auto ad ogni fermata. In particolare, borse, bagagli ed oggetti di valore. Sempre per la stessa ragione, vi consigliamo di stipulare un’assicurazione con le compagnie di autonoleggio. Spenderete pochi euro in più, ma sarete sicuri di non aver problemi in caso di tentanti o riusciti furti. Cercate di parcheggiare sempre in zone turistiche, dove c’è tanta gente. Non solo per la vostra auto, ma anche per evitare di tornare in un vicolo buio dopo una serata a ristorante.

Atteggiamento da tenere in giro

A differenza di paesi, per esempio, di religione mussulmana, qui non avrete problemi di vestiario. Nessuno vi guarderà strano se portate una gonna corta o i capelli scoperti. Nonostante ciò, il consiglio che abbiamo ricevuto noi e che, a nostra volta diamo a voi, è il seguente. Evitate di ostentare oggetti di valore. Non andate in giro con telefoni o strumenti digitali in bella vista, né con gioielli appariscenti o che facciano presagire un certo valore economico. Per il resto, state tranquilli. A parte alcune zone periferiche, la gente è abbastanza tranquilla.

Panorama a Franschhoek, Sudafrica

Purtroppo, invece, esiste la questione dei mendicanti. In pochi lo sanno, ma la povertà di alcune sacche della società, ha portato il Sudafrica a soffrire di questo problema. Capita molto spesso di trovare in giro mendicanti che chiedono l’elemosina. Per lo più, almeno nel nostro caso, sono innocui, però è bene evitare di infastidirli perché, secondo alcuni giornali del posto, sono spesso drogati o alcolizzati, quindi imprevedibili.

Strade

Come abbiamo precedentemente scritto, in Sudafrica le strade sono quasi tutte ottime. L’unico problema è che non sono illuminate. Questo, ovviamente, è un problema in caso si viaggiasse di notte o dopo il tramonto. Vi consigliamo di tornare in struttura sempre prima che il sole tramonti. Noi, per esempio, abbiamo dovuto guidare col buio una o due volte, e vi assicuriamo che può essere davvero problematico, soprattutto se non si è abituati.

Bontebok National Park

Inoltre, è abitudine comune, che i Sudafricani raggiungano il luogo di lavoro a piedi, anche su strade ad alta percorrenza. Fate quindi molta attenzione ai lati delle strade, spesso sono costellate di persone in fila che si recano da qualche parte, non facendo nemmeno troppa attenzione.

Lo stesso, chiaramente, vale per gli animali. Ovviamente questo non vi accadrà per le strade di Cape Town, ma sarà molto frequente in zona Kruger e nei dintorni. Non andate troppo veloce durante gli spostamenti.

In conclusione, riteniamo che il Sudafrica non sia più un paese pericoloso come una volta. La situazione è di gran lunga migliorata e noi ci siamo sempre trovati bene. Non abbiamo mai avuto problemi, le persone nei nostri confronti sono sempre state estremamente disponibili e non ci siamo mai sentiti in pericolo. Rifaremmo altre mille volte questo viaggio, di cui abbiamo amato ogni secondo. Ovviamente ciò che vi abbiamo raccontato non basta a rendere il Sudafrica un paese pericoloso, ma è indubbiamente un luogo dove l’attenzione non è mai troppa.

Viaggio On The Road in Sudafrica: tappe e consigli

Muizenberg Beach, Penisola del Capo

Buongiorno lettori, l’articolo di oggi sarà cumulativo e, speriamo, molto utile per organizzare il perfetto viaggio on the road in Sudafrica, con tanto di tappe e consigli utili. Proveremo a darvi tutte le informazioni che vi serviranno per arrivare dall’altra parte del mondo e godervi questo splendido paese.

Un viaggio on the road in Sudafrica necessita di una grande organizzazione e le tappe in cui fermarsi, rappresentano uno dei consigli, a nostro avviso, più utili!

Iniziamo!

Le tappe perfette per un on the road in Sudafrica

Esistono luoghi, come il Sudafrica, dove probabilmente si andrà una sola volta nella vita. Non fraintendeteci, amiamo tornare sui nostri passi, ma il viaggio è lungo e richiede tempo per essere organizzato al meglio. Per questo motivo, una volta arrivati laggiù, si vorrebbe vedere davvero tutto! Avete ragione, vederlo tutto in una volta, a patto che non ci si fermi mesi e mesi, è impossibile. Ma costruire un itinerario che tocchi tutti i punti più importanti, invece, è assolutamente doveroso.

Cape Town- 3/4 giorni

A nostro avviso ci si potrebbe fermare a Cape Town anche una settimana, ma probabilmente, come è capitato a noi, non ne avrete il tempo. Possiamo dirvi, però, che 3 o 4 giorni sono un buon compromesso per poterla assaporare con la calma che si merita, ammirando tutte le principali attrazioni. Qui troverete il nostro articolo dedicato, prima e seconda parte, ed anche l’hotel che abbiamo preferito in città.

Oca egiziana a Kirstenbosch Garden, Cape Town

Penisola del Capo-1 giorno

In assoluto una delle zone più emozionanti di tutto il paese. Un on the road sulla Penisola del Capo è d’obbligo, nel nostro articolo dedicato troverete tutte le tappe imperdibili ed i tempi di percorrenza. Anche se in pochi dormono in zona, visitandola in giornata da Cape Town, noi vi consigliamo di fermarvi a dormire vicino al Capo di Buona Speranza almeno una notte. Questo hotel farà al caso vostro, lo adorerete. Regala una meravigliosa esperienza a contatto con i pinguini della splendida Boulders Beach.

Franschhoek-1/2 giorni

Spostandosi verso l’interno del paese, entrerete finalmente nelle Winelands sudafricane, ne parliamo in questo articolo. Il consiglio è quello di trascorrere qui almeno una notte. Il territorio è molto bello, la vita è lenta e di qualità, si mangia benissimo e sembra che il tempo si sia fermato. Assaggiate i migliori vini sudafricani, come il Pinotage, e non perdetevi il Wine Tram. Alloggiate in una guesthouse piccola e confortevole, noi abbiamo scelto la Lavender Guesthouse.

Lavender Guesthouse

Cape Agulhas-1 giorno (ma vi consigliamo di passarci senza alloggiare)

Noi abbiamo deciso di dormire a Cape Agulhas una notte, alloggiando alla Mermaid Guesthouse. Le attrazioni principali della zona sono il faro di Cape Agulhas, l’incontro tra i due oceani ed il punto più a Sud dell’Africa, di cui parliamo qui. Tuttavia, è tutto visitabile in giornata.

Swellendam-1/2 giorni

Swellendam è una delle più antiche città sudafricane e questo aspetto è ben valorizzato. Abbiamo davvero apprezzato questa tappa, dove ci siamo rilassati nell’alloggio che abbiamo scelto ed abbiamo visto paesaggi magnifici al Bontebok National Park ed alla De Hoop Nature Reserve. Vista l’atmosfera del luogo, vi consigliamo di “utilizzarla” come tappa per riprendervi dalle lunghe giornate di guida. Non ve ne pentirete.

Schoone Oordt Country House, Swellendam

Mossel Bay-2 giorni

Mossel Bay è indubbiamente una tappa imperdibile. Oltre a scegliere tra alloggi di livello e buoni ristoranti, vi consigliamo di dedicarci due giorni. Il primo fate un’escursione per ammirare le balene, il secondo, dedicatelo alla visita di Pinnacle Point.

Plettenberg Bay-2 giorni

Plettenberg Bay è uno dei posti che abbiamo apprezzato maggiormente. Abbiamo dormito allo Sky Villa Boutique Hotel ed abbiamo visitato due santuari dedicati agli animali che ci sono rimasti nel cuore. Si tratta di Monkeyland e Birds of Eden, uno più bello e interessante dell’altro! Se avete tempo, non perdetevi il Jukani Wildlife Sanctuary.

Monkeyland, Plettenberg Bay

Port Elizabeth-1 giorno

Dobbiamo essere sinceri. La cittadina non è nulla di che. Anzi, noi l’abbiamo trovata sporca e pericolosa. Nonostante ciò, è una tappa obbligata per visitare l’Addo National Park e fare il vostro primo vero Safari in Sudafrica prima di partire alla volta del Kruger National Park.

Addo National Park, Port Elizabeth

Kruger National Park-3/5 giorni

Secondo il nostro punto di vista un viaggio in Sudafrica non è completo se non include il Parco Nazionale di Kruger. Oltre alla fama che, giustamente, possiede questo parco, non potete perdervi l’esperienza di vedere tutti i Big Five e dormire sentendo le iene che “ridono”. Il nostro consiglio è di rimanerci almeno tre giorni, credeteci, rimanere per un giorno o due vi impedirà di vivere a pieno l’esperienza!

QUANTI GIORNI SERVONO PER UN VIAGGIO ON THE ROAD IN SUDAFRICA?

Dal precedente paragrafo, si può facilmente evincere che il viaggio “perfetto” dovrebbe durare dalle due alle tre settimane. Ovviamente la perfezione è relativa, c’è chi salterebbe la metà delle tappe che abbiamo toccato noi e chi, invece, ne aggiungerebbe altre. In ogni caso, il Sudafrica è esteso. Pensiamo che un viaggio di meno di due settimane possa risultare troppo caotico ed un po’ sbrigativo.

Quando prenotare i voli e quali sono i costi?

Inutile dirvi che, come spesso accade, prima si prenota il volo e meglio è. Noi abbiamo deciso di acquistarlo nel mese di aprile e l’abbiamo pagato poco meno di €600, esattamente €592. Questa tariffa è indubbiamente vantaggiosa, complice l’anticipo con cui l’abbiamo prenotata, quindi il nostro consiglio è di mettersi in cerca presto e comprare le tratte il prima possibile. Solitamente, con poco anticipo, si riescono comunque a trovare voli intorno agli €800/850 che, considerando le ore di volo, non sono poi così tanti.

Tante compagnie raggiungono il Sudafrica, ma noi abbiamo notato una grande presenza della KLM, bandiera olandese. Abbiamo, infatti, volato con loro, apprezzando l’ampiezza dei posti a sedere e la disponibilità del personale. Nota negativa, invece, per il cibo a bordo e l’intrattenimento. Sul cibo, per carità, si può lasciar correre. Certamente non ci si aspettano pasti gourmet in aereo. L’intrattenimento, però, è davvero molto ridotto. L’offerta cinematografica è ampia, ma i film in italiano saranno una decina, quindi la scelta si riduce drasticamente.

A prescindere dall’intrattenimento a bordo, considerate che le ore in aereo saranno molte. Noi abbiamo fatto Milano-Amsterdam e poi Amsterdam-Cape Town. Il tutto è durato circa 14 ore, solo di volo, quindi portatevi tablet, musica, giornali e chi più ne ha, più ne metta!

Bene lettori, il nostro articolo riguardante tappe e consigli per un perfetto viaggio on the road in Sudafrica si conclude qui, ovviamente, rimaniamo a disposizione per qualunque altra informazione dovesse servirvi!