INDICE MILANO

img_1450

Terraqueo: Progetto Milano

Si vegni senza paura, num ve songaremm la man
tucc el mond a l’è paes e semm d’accord
ma Milan, l’è on gran Milan!

Canzone composta da Giovanni D’Anzi nel 1934, in onore della Madonnina, la statua d’oro posta in cima al Duomo di Milano

9b97d237-a556-4949-aefa-d5fe5477bf63
Piazza del Duomo, Milano

Come sapete, Milano è la nostra città… la città dove siamo nati, dove viviamo e dove lavoriamo e passiamo la maggior parte dell’anno. Riguardo a Milano si sente molto, si dice che il Milanese DOC sia freddo, strenuo lavoratore, malato d’impegni. Non vogliamo mentirvi, a Milano non ci si ferma un attimo, questa è una città dove il tempo corre veloce, i palazzi nascono e muoiono, le zone cambiano e si evolvono. Con loro anche i cittadini milanesi, che talvolta faticano a stare dietro a tutto ciò che questa città regala. Quando si nasce a Milano si imparano due cose: “Milan l’è on gran Milan” e “La metropolitana esiste solo a Milano”. Sono luoghi comuni, ma essendo tali, sono anche tanto presenti nel nostro, e probabilmente nel vostro, immaginario. Appena si esce dalla città ci si rende conto che esiste un mondo a parte, fatto di calma, di bei posti, di buon cibo ed anche di metropolitane!

Abbiamo deciso, a questo proposito, di realizzare un progetto che permettesse a tutti voi, nostri lettori, di conoscere ed apprezzare quella che per noi è casa. Non vogliamo lasciar nulla al caso, desideriamo parlarvi di tutti quei luoghi storici, della nostra cattedrale tanto bella e monumentale, della casa di Alessandro Manzoni, della meravigliosa Pinacoteca di Brera; ma anche della cosiddetta “Milano da bere”, quella Milano “fashionista”, tanto vanitosa quanto interessante. Abbiamo voglia di raccontarvi dove il Milanese va a prendere l’aperitivo, dove va a cena, ma anche dove compra da mangiare a Natale, perché non tutti sanno cucinare!

Desideriamo farvi conoscere gli eventi simbolo della nostra città, la Fashion Week ed il Salone del Mobile, così come la Fiera dell’Artigianato ed i mercatini della domenica. Inoltre, vorremmo avere il piacere di farvi entrare in quei luoghi quasi sconosciuti, le collezioni private, delle wunderkammer di estrema bellezza dove rimanere stupiti ad ogni angolo.

Da oggi in poi inizierà il nostro Progetto Milano, potete seguirci anche su Instagram tramite l’hashtag #progettomilanoterracqueo e rimanere aggiornati anche tramite le più belle ed interessanti foto della città 🙂

Buon viaggio e buon divertimento!

Perché visitare Milano?

6a485191-9e69-4ea4-a782-a8bb124703fc
Quartiere Navigli, Milano

In tanti ci hanno chiesto quali siano i veri motivi per visitare la città di Milano. Come sapete, ci piace raccontarvi le nostre esperienze e ciò che proviamo vivendole. In questo caso la questione è leggermente diversa: non stiamo parlando da visitatori o turisti, ma da milanesi, e questo potrebbe essere un buon punto di partenza per appassionarvi alla nostra città 🙂 Iniziamo!

  1. Qui c’è tutto: sembra una frase fatta, ma a Milano c’è davvero tutto. Che abbiate voglia di un panino, che necessitiate di un supermercato alle quattro di mattina o che stiate cercando un’antica cartoleria, qui avrete l’imbarazzo della scelta. Ogni quartiere è un’isola.
  2. Innovazione e tradizione: Milano è una città antica, come moltissime in Italia. La differenza sta nel fatto che potrete visitare le antiche mura di cui parla Manzoni nei Promessi Sposi, il Castello Sforzesco ed il Duomo, e dieci minuti dopo trovarvi davanti al Palazzo dell’Unicredit, dal sapore moderno, innovativo e visionario, oppure in Piazza Liberty, dove i palazzi del centro storico fanno da cornice al super americano Apple Store.
  3. Shopping: a Milano la parola “shopping” è all’ordine del giorno, troverete qualunque cosa di cui abbiate bisogno, che si tratti di un abito firmato o di vintage, di vecchi vinili o di design internazionale. Inoltre fare compere a Milano è davvero molto democratico, considerate che il famoso Quadrilatero della Moda caratterizzato dai mega Store di Prada, Gucci ed Yves Saint Laurent è a due passi da Corso Vittorio Emanuele, dove il fast fashion e lo shopping a poco prezzo sono i veri protagonisti.
  4. Luoghi storici: purtroppo se ne parla poco, anche tra noi milanesi, ma Milano è davvero crocevia di cultura, arte, design e moda: dalle mostre d’arte moderna al Museo Nazionale della Scienza e della Tecnologia.
  5. Cibo: forse vi sembrerà strano che a Milano si parli di cibo, ma vi assicuriamo che si mangia bene anche qui. L’offerta è davvero ampia, potete andare a mangiare nel ristorante stellato, come dai paninari davanti al Castello Sforzesco o davanti allo Stadio San Siro. Inoltre, anche grazie ai nostri consigli, rimarrete davvero colpiti dalla quantità di ottimi ristoranti presenti in città.
  6. Opportunità: Milano è la città delle opportunità, un po’ la New York d’Italia. Qui si trova lavoro, si conoscono persone, si stringono legami e si fanno affari nel giro di cinque minuti e, si sa, in un periodo storico come quello attuale, anche questo è importante.
  7. Romanticismo: Milano è una città davvero romantica, soprattutto per quanto riguarda alcune zone in particolare come Brera o i Navigli, che hanno intrinsecamente un non so che di nostalgico ed emozionante.
  8. I modi di dire: è vero, i milanesi sembrano sempre tanto freddi ed apatici, ma se li prendete in un buono momento, sanno regalare emozioni uniche. Volete mettere sentirvi dire un sonoro “Magna, bef e tas s’at vo vivar in pas” (Mangia, bevi e taci se vuoi vivere in pace) !

Quanto costa visitare Milano: costi, consigli e spese

ec623b8c-187f-4e75-b5a6-9200faf1adf9
Castello Sforzesco, Milano

Milano non è una città economica, dalle cose di tutti i giorni, ai lussi di ogni tanto, non si spende mai poco. Ci sono tante cose che sono estremamente costose, come i taxi, tante altre che invece hanno un costo del tutto accettabile, come i biglietti dei mezzi pubblici che costano 2€ (prezzo odierno). Detto ciò, ci sono tanti modi per risparmiare qualcosina di cui vi parleremo nel prossimo futuro, ma ora, vediamo insieme i costi da sostenere per tre/quattro giorni a Milano.

Aereo: sotto questo punto di vista, fortunatamente, si cade in piedi. Milano è una di quelle città verso le quali molto spesso si viaggia per lavoro, per questo motivo i voli che arrivano qui sono moltissimi ed i prezzi non sono del tutto proibitivi, soprattutto se decidete di organizzare la vostra vacanza in giorni anonimi e non festivi. Ricordate che spesso gli aerei costano meno dei treni, quindi valutate entrambe le opzioni e scegliete quella che fa al caso vostro.

Alberghi: qui la questione cambia un po’, purtroppo a Milano gli hotel non sono a buon mercato, mentre si ragiona un po’ meglio su AirBnb, tramite il quale spenderete un po’ meno. In linea di massima, vi consigliamo di evitare come la peste periodi come il Natale, le varie settimane della Moda ed il Salone del Mobile.

Musei ed attrazioni: fortunatamente le attrazioni milanesi come musei, mostre o chiese, non hanno quasi mai prezzi eccessivi, riuscirete a cavarvela con 10/15€ a persona, un po’ come in tutte le altre città europee.

Trasporti: come dicevamo, il biglietto dei mezzi pubblici costa 2€, purtroppo è aumentato da poco. Meno di dieci anni fa costava addirittura 1€, ma fortunatamente il prezzo è ancora accessibile. Evitate Taxi o Uber che, invece, sono estremamente costosi soprattutto per andare e tornare dall’aeroporto, tragitto per il quale potreste spendere  addirittura dai 70€ ai 150€. Preferite, in alternativa, le navette che partono tutti i giorni da e per Stazione Centrale, che con prezzi che si aggirano intorno ai 10/14€ vi porteranno comodamente in aeroporto.

Ristoranti: anche in questo caso dobbiamo spezzare una lancia a favore di Milano. I prezzi dei ristoranti variano moltissimo e l’offerta è molto ampia, potete spendere 5€ per una pizza, ma anche 100€ a testa per una cena stellata. Fate le vostre considerazioni e seguite i nostri consigli per non spendere troppo 🙂

La metropolitana di Milano: una finestra sulla città

mappa-metropolitana-milano-1
Mappa della Metropolitana, Milano

“La metro c’è solo a Milano”. Questo è uno dei luoghi comuni che abbiamo snocciolato venerdì per farvi fare una risata.

Milano è una città grande, c’è poco da fare. Nonostante ciò, i mezzi pubblici, sia quelli di superficie che i sotterranei, sono molto comodi, ben organizzati e funzionanti, quindi in un men che non si dica si può arrivare davvero ovunque, e questo è il bello della città. Ci sono quattro metropolitane più una quinta in costruzione: la rossa, la gialla, la verde, la lilla e la futura metro blu.

Negli ultimi anni il comune ha investito parecchio per le ultime due metropolitane, questo ha portato ad un aumento del turismo e, sicuramente, ad una nuova ed ottima alternativa per i cittadini, che riescono a muoversi tranquillamente da una parte all’altra della città. Le tre metropolitane storiche, però, rimangono la rossa, la gialla e la verde, tant’è che c’è qualche milanese che, semplicemente per principio, non considera nemmeno che la lilla esista!! Ma andiamo per gradi: abbiamo voglia di farvi conoscere Milano in ogni sua sfaccettatura ed abbiamo capito che non possiamo far altro che partire dalla metropolitana, il mezzo più comodo, veloce ed economico per il vostro prossimo week end lungo nel Nord Italia.

Linea Rossa: la linea Rossa (o linea 1) è la prima metropolitana inaugurata in città nel lontano 1964, si tratta di una linea che parte da Sesto Primo Maggio FS ed arriva a Bisceglie/Rho Fiera. Comprende 38 stazioni e per arrivare da un capolinea all’altro il medio tempo di percorrenza è di 45 minuti. L’importanza di questa linea è data dal fatto che tra le fermate siano annoverate:

  1. Loreto: punto d’incontro con la metro verde ed ottimo punto di partenza per fare un po’ di shopping in Corso Buenos Aires.
  2. Duomo: la fermata del “centro” per eccellenza, vi troverete davanti la meravigliosa Piazza del Duomo.
  3. Cadorna: fermata importantissima in quanto non solo potete cambiare dalla rossa alla verde, ma potete anche prendere tantissimi treni per girare in Lombardia o nel resto d’Italia.
  4. Pagano: “la fermata bivio” è da qui che potrete decidere di prendere la metro per Rho Fiera o la metro per Bisceglie.

Linea Verde: la linea Verde (o linea 2) è la seconda metropolitana inaugurata in città, nasce infatti nel 1969 e porta da Abbiategrasso/Assago a Cologno/Gessate. Anche in questo caso, le fermate più emblematiche sono le seguenti.

  1. Centrale: non potete passare da Milano e non visitare la Stazione Centrale. Si tratta di un monumento, prima che di una stazione.
  2. Garibaldi: scendendo a Garibaldi avrete la possibilità di visitare uno dei quartieri centrali più belli ed espressivi della città.
  3. Porta Genova: a Milano un terremoto potrà sentirsi solo lievemente, questo perché sotto alla città c’è l’acqua, ed i Navigli ne sono la prova. Scendete in Porta Genova e godetevi un pomeriggio romantico tra piccole botteghe e palazzi d’epoca.

Linea Gialla: la linea gialla (o linea 3) venne inaugurata del 1990 e fu l’ultima metropolitana per più di vent’anni. I due capolinea sono San Donato da una parte e Comasina dall’altra, ed anche in questo caso, le sue fermate nascondono tante belle sorprese, tra cui quella che stiamo per svelarvi:

  1. Montenapoleone: la via dello shopping di lusso per eccellenza, camminate tra le vetrine e lustratevi gli occhi per una mezz’oretta abbondante.

Linea Lilla: questa linea è stata inaugurata solo nel 2013, nonostante ciò, dovreste salirci solo per vedere coi vostri occhi l’evoluzione della metropolitana negli anni. Le tre linee precedenti rappresentano le metropolitane storiche della città, ma la lilla ha tutto un appeal diverso, si tratta di qualcosa di futuristico, totalmente nuovo e molto particolare. Inoltre, tra le fermate di quest’ultima metro troverete la seguente:

  1. Tre Torri: si tratta di un complesso relativamente nuovo, realizzato dal 2004 in poi. Non vogliamo svelarvi niente, ma questa zona sta diventano davvero d’interesse negli ultimi anni.

Periodo migliore per visitare Milano

49155714_358975457990575_5190332114515525632_o
Galleria Vittorio Emanuele, Milano

Milano è una città dinamica, che offre sempre tanto e ci ingloba totalmente dentro se stessa. La verità è che non c’è un periodo in cui vi consigliamo di visitarla, ma c’è sicuramente qualche periodo in cui, al contrario, sarebbe bene evitarla.

  1. Settimana della Moda e Salone del Mobile: in questo caso ci sono sia pro che contro. È chiaro che in caso voi siate appassionati di moda e design, questi periodi rappresentano i momenti migliori per rimanere aggiornati su questo tipo di temi. È vero, però, che sono settimane davvero affollate, in cui tutto costa di più, prezzi di hotel, voli e treni aumentano vertiginosamente ed i ristoranti sono sempre pieni. Se proprio non potete fare a meno di venire a Milano durante queste settimane, prenotate con un po’ di anticipo.
  2. Mesi estivi, in particolare agosto: anche Milano, ogni tanto, si riposa. Agosto è il mese fantasma di questa città, a parte il centro storico, che è comunque molto meno affollato, tutto il resto della città chiude i battenti. Alcuni negozi sono chiusi, la stessa cosa vale per i ristoranti e per molti esercizi che si godono una meritata pausa. Inoltre Milano d’estate è davvero calda, talvolta arriva addirittura a 40 gradi, soprattutto nel mese di agosto.

In definitiva, riteniamo giusto dirvi che, nonostante Milano sia sempre visitabile, i migliori periodi sono i seguenti:

  1. Periodo Natalizio: in questo momento dell’anno le vie del centro vengono addobbate da lucine natalizie che rendono l’atmosfera davvero magica.
  2. Periodo autunnale/invernale: questo è il periodo perfetto, si tratta di mesi relativamente freddi, anche se non eccessivamente. Basterà coprirvi e camminare per le vie della città per godervi ogni singolo momento della vostra vacanza.
52259284_376843606203760_1348275205847384064_n
Milano

Guidare a Milano: consigli per evitare multa e sorprese

Buongiorno ragazzi, oggi vi parliamo di come organizzarvi in caso decidiate di noleggiare una macchina per girare a Milano, andremo per punti in modo tale da essere più chiari e cristallini possibili!

  1. NON NOLEGGIATE UN’AUTO: molti amano visitare una città con i propri tempi, senza aspettare i mezzi pubblici o i treni. Se possiamo darvi un consiglio spassionato è il seguente: evitate di noleggiare un auto a Milano. Guidare qui non è propriamente facile, il parcheggio è un’utopia e le strade sono trafficate. Se invece decidete di noleggiarla in ogni caso, leggete i punti che stiamo per indicarvi molto attentamente.
  2. Parcheggio: il parcheggio qui a Milano è molto difficile da trovare, ma soprattutto, non troverete nemmeno un posto libero che non sia a pagamento. Esistono le strisce blu, dove parcheggiare costa da 1,20€ a 2€ all’ora, le strisce gialle dove non potete parcheggiare se non siete residenti, ed i parcheggi privati o sotterranei dove spenderete davvero molto. Certo, ci sono tante persone che parcheggiano e sperano di non prendere la multa, ma fate attenzione perché i controllori sono sempre molto sul pezzo.
  3. ARIA C: l’aria C è quella che coincide, grossomodo, con la circonvallazione interna, quindi quella parte del centro storico della città che è ormai una zona ZTL. Per poter entrare, dovrete recarvi in qualunque tabaccaio ed acquistare il ticket per l’aria C, costo: 5€ al giorno. Fate molta attenzione, non entrate senza pagare il tagliando perché la multa è abbastanza salata. L’area C è attiva dal lunedì al venerdì, mentre il sabato e la domenica sarete liberi di girare indisturbati.
  4. Traffico: Milano è una città molto trafficata, soprattutto durante la settimana, ma se avete deciso di avventurarvi in macchina, mettete in conto che il traffico sarà sempre il vostro buon amico costante. Sicuramente la sera sarete più tranquilli e percorrerete le vie del centro con molta più facilità, anche se il parcheggio rimarrà quasi sempre un miraggio.

Milano è una città pericolosa?

Una delle domande che viene assolutamente spontanea nel momento in cui si decide di visitare una grande città come Milano è se si tratti di una città pericolosa. Dobbiamo essere onesti, Milano non è una città pericolosa, si sta bene, i mezzi pubblici sono sicuri ed allo stesso modo le zone centrali, ma anche quelle periferiche si difendono bene. Come spesso facciamo, vi illustreremo una serie di punti in modo tale da rendervi chiari gli accorgimenti da seguire quando visiterete la nostra città.

  1. Mezzi pubblici: a Milano i mezzi pubblici non sono estremamente pericolosi, anche se ci teniamo a dirvi che alcuni orari, soprattutto quelli di tarda serata, potrebbero crearvi qualche problema. Evitate zone come le stazioni in orari notturni, purtroppo spesso troverete persone che hanno alzato un po’ il gomito e tenderanno ad infastidirvi un po’, ma vi basterà non guardarli ed andare avanti per la vostra strada per non subire nessun tipo di fastidio. In caso doveste prendere un mezzo pubblico di notte, ricordate di sedervi sempre in prossimità del conducente.
  2. Zone da evitare: nonostante Milano sia una città abbastanza sicura, le zone limitrofe o periferiche potrebbero costituire un pericolo per la vostra incolumità. Questo non tanto per le persone o le situazioni che troverete qui, quanto per il fatto che, soprattutto la sera, più si esce da Centro, più troverete molte meno persone in giro, di conseguenza sarebbe bene evitare di trovarsi soli da qualche parte. Preferite vie o zone ben illuminate e con attività come bar o ristoranti aperti.
  3. Borseggiatori: purtroppo anche qui esistono i borseggiatori ed i casi in cui avvengono furti non sono poi così pochi. Chiudete sempre borse e zaini e, se potete, portatele sulla parte anteriore del corpo.
  4. Il valore del gruppo: non girate da soli, soprattutto la sera. Fatevi accompagnare da qualcuno o comunque state in gruppo, alcune volte solo questa piccola abitudine potrebbe evitarvi qualche brutto incidente di percorso.

Dove fare shopping a Milano

Buongiorno cari amici, come avete trascorso le feste? Speriamo che siano state magiche, rilassanti e riposanti, in modo da iniziare questo 2020 nel migliore dei modi. Uno degli obiettivi del nostro 2020 sarà, per l’appunto, farvi conoscere la città di Milano un po’ meglio e valorizzare ogni suo aspetto. Parlando di questa città, in effetti, non possiamo non parlarvi dello shopping, del resto Milano è una delle città più importanti sotto il punto di vista della moda, quindi non potete arrivare impreparati.

Iniziamo dal dirvi che a Milano non avrete che l’imbarazzo della scelta, troverete davvero tutto, da articoli a poco prezzo, a fantastici e lussuosi capi da migliaia di euro. Tutto è da strutturare in base alle zone della città, nelle quali si sono formati dei veri e propri distretti stilistici ed estetici.

Via Monte Napoleone: Via Monte Napoleone è conosciuta in tutto il mondo per le sue vetrine di lusso e per ospitare le più importanti firme del mondo della moda. Non farete fatica a trovare negozi come Prada, Gucci, Louis Vuitton o Yves Saint Laurent, anzi, saranno loro a trovare voi ed a catturarvi con il loro indistinguibile appeal. Possiamo, anzi, dobbiamo consigliarvi una cosa: non tutti possono permettersi di entrare in un negozio e spendere migliaia di euro per una borsa, ma questo non deve impedirvi di visitare questa bellissima via. Uno dei momenti più belli, a nostro avviso, è la sera… le boutique sono chiuse, ma le luci sono sempre accese, vedrete la bellezza degli interni dei negozi, infatti ognuno di questi brand occupa dei palazzi storici di Milano ed i marmi, i pavimenti o i soffitti sono davvero imperdibili. Inoltre avrete tutto il tempo di fare qualche foto ed ammirare le vetrine con attenzione, senza essere interrotti da persone che vi passano davanti o dal baccano della gente a passeggio. Non perdetevi, infine, tutte le traverse di Via Monte Napoleone, come via Sant’Andrea, Via Santo Spirito o Via Bigli, troverete dei cortili meravigliosi dove immergervi nel vero spirito di Milano.

305ab575-7c20-4faa-be8e-0d65df6fc2b1
Via Monte Napoleone, Milano

Corso Vittorio Emanuele e Corso Buenos Aires: stiamo per parlarvi dello shopping sfrenato, quello tramite il quale tornerete a casa con mille sacchetti, sacchettoni e sacchettini, ma avrete speso davvero poco. Entrambe queste vie si trovano nel centro di Milano, tant’è che per arrivare dall’una all’altra a piedi ci metterete al massimo 15/20 minuti al massimo. Anche in questo caso avrete l’imbarazzo della scelta, ma adesso potete anche comprare qualche bel ricordo, troverete firme come Zara, H&M, Pandora, Alcott, Mango, Urban Outfitters e via dicendo. Credeteci, se avete in mente un pomeriggio di shopping da ricordare, questo è il posto che fa per voi. Inoltre in entrambi i luoghi ogni centinaio di metri troverete bar, fast food ed ogni sorta di cibo possibile, quindi potete anche riposarvi qualche minuto. Vi consigliamo il periodo dei saldi, sia invernali che estivi.

4f412886-aed5-49a9-a992-6f61d9dad524
Corso Vittorio Emanuele, Milano

Brera e Navigli: vi consigliamo di visitare la zona di Brera o quella dei Navigli anche solo per l’atmosfera che vi regaleranno. Brera è un’isola felice, una zona pedonale dove le persone passeggiano con il giornale sotto braccio e si fermano a gustare calmi e tranquilli aperitivi. Lo shopping che potrete fare qua è molto di nicchia, particolare e diversificato, non c’è un budget consigliato, potreste spendere dieci euro, ma anche mille, ma sarete sicuri che ciò che comprate non lo vedrete addosso alle masse. Si tratta di piccoli negozi famigliari dove fanno da protagonisti sete, tessuti etnici, pizzi ed ogni tipo di novità ancora sconosciuta. Le vie di zona Brera sono bellissime, il ciottolato vi impedirà di andare di fretta, permettendovi di godere della vostra giornata. I Navigli, invece, rappresentano un po’ quella cultura underground che tutte le città, alla fin fine, nascondono da qualche parte. Passeggiare sui Navigli significa fare un salto indietro nel tempo, non solo troverete tantissimo, ma davvero tantissimo Vintage, ma riuscirete a scovare libri antichi, vinili, laboratori artigianali e posti dove cenare a poco prezzo.

La Pinacoteca di Brera

1bbb206f-8fb7-4896-9e0d-0a3e966ef227

La Pinacoteca di Brera è una tappa assolutamente obbligata quando si visita la città di Milano, il valore storico, artistico e culturale di questo Museo è davvero incommensurabile. La Pinacoteca ha un vantaggio non indifferente: si trova nella cornice di zona Brera, un’area tipicamente milanese, dove regna la tranquillità, la bellezza e quell’atmosfera tipica delle città d’arte, un po’ antica, un po’ moderna, ed un po’ bohémienne.

Vi daremo, innanzitutto, qualche informazione pratica ed utile riguardo i biglietti ed i costi:

  1. Biglietto intero: 15€
  2. Prima domenica del mese: gratuito per tutti
  3. Terzo giovedì del mese dalle ore 18.00 alle 22.15: 3€
  4. Gratuità per tutti i minori di 18 anni
  5. Cittadini UE dai 15 ai 25 anni: 2€
  6. Over 65 (martedì e mercoledì): 1€

Ed ora… entriamo finalmente nel merito della visita. La Pinacoteca di Brera si trova in Via Brera 28, è aperta tutti i giorni dalle 8.30 alle 19.15 ed è stata fondata nel 1776 da Maria Teresa d’Austria. Vi consigliamo vivamente di arrivare nel primo pomeriggio, evitando di entrare dalle 17.00 in poi, perché in tal caso dovrete svolgere una visita molto veloce e sbrigativa senza la possibilità di fermarvi per più di pochi minuti davanti alle opere. Mettiamo il caso che stiate per partire, non abbiate avuto la possibilità di visitare la Pinacoteca e vogliate giusto dare un’occhiata veloce. Bene, in questo caso vi consigliamo quantomeno di entrare nel cortile della struttura, una straordinaria opera architettonica, totalmente gratuita, dove raccogliere qualche ricordo della città di Milano e dove fa capolino una scultura in bronzo di Antonio Canova, copia dell’originale in marmo presente all’interno della Pinacoteca. La scultura raffigura l’Imperatore Napoleone Bonaparte idealizzato secondo i canoni della classicità. Se invece, come auspichiamo, avete tutto il tempo a disposizione per una vera e propria visita, continuate a leggere l’articolo 🙂 Una cosa che ci ha colpito particolarmente è la grandezza della struttura che ospita la Pinacoteca, ma anche la grande quantità di sale, che sono in tutto trentotto e l’estrema cura con la quale le tele sono esposte: in ordine cronologico ed in base alla scuola a cui appartengono. Non solo rimarrete estasiati dalla bellezza dei quadri, ma ritroverete qui opere che avete visto solo in foto, come “Il Bacio” di Hayez, “Il Cristo Morto” di Mantegna oppure i meravigliosi dipinti di Piero della Francesca, Caravaggio e Raffaello, insomma, uscirete dalla Galleria con la bellezza negli occhi e nel cuore. C’è da complimentarsi con chi si occupa dell’esposizione, ogni sala ha colori diversi, per esempio ci è piaciuta moltissimo la sala dedicata ai dittici ed ai trittici in oro, che contrastano con il blu cobalto delle pareti, regalando un bellissimo effetto visivo e mettendo in risalto le opere.

Ovviamente, come nella maggior parte delle gallerie d’arte, non è possibile scattare foto con il flash, ma potete tranquillamente girare video o fare foto senza alcun problema. Ogni opera presenta titolo e descrizione sulla piccola struttura sottostante, non fate l’errore di passare avanti senza leggere almeno qualcosina delle opere che più vi colpiscono. Considerate, inoltre, che la maggior parte delle opere rimandano all’argomento cristiano-cattolico, più in generale al mondo della spiritualità religiosa,  di conseguenza la spiegazione è, talvolta, necessaria per capire la vera essenza dell’opera, costellata di allegorie e riferimenti. Ognuna delle trentotto sale è accessoriata con sedie poste davanti alle opere principali, per darvi la possibilità di sedervi in tutta tranquillità ed ammirare i quadri con un occhio un po’ più attento del solito. Se siete veri appassionati d’arte, prendete l’audio guida, che per un costo di 5€ entrerà nel vivo del percorso espositivo spiegandovi tanti dettagli interessanti riguardo alle tele. Le audio guide sono disponibili in italiano, inglese, francese, spagnolo, tedesco e russo, inoltre, anche se solo in italiano, esiste una soluzione per i vostri bimbi, l’audio guida facilitata e semplificata per fornire loro qualche informazione in più.

Credeteci, la Pinacoteca di Brera è un luogo fantastico, dove sia i milanesi che i turisti amano trascorrere una giornata durante la loro visita a Milano, non perdetevela per nulla al mondo.

a2b8ae07-c11a-4c38-a6b6-6462cfda31b4